Aggiornato: 20 giugno 2024
Nome: Mamedov Salekh Yaser Ogly
Data di nascita: 19 giugno 1994
Stato attuale: sospettare
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)

Biografia

L'azione penale per fede ha cambiato il consueto stile di vita di Salekh Mamedov e di sua moglie. A causa della sua fede, nel giugno 2023 è stato avviato un procedimento penale contro l'uomo in base a un articolo estremista.

Salekh è nato nel giugno 1994 a Simferopol. Ha due fratelli e una sorella. Suo padre lavora come ingegnere civile e sua madre insegna inglese e francese.

Da bambino, Salekh era appassionato di automobili: le disegnava e leggeva riviste su di esse. Era anche coinvolto nell'atletica, amava andare in bicicletta con gli amici, ascoltare musica. Dopo la scuola ha imparato a fare il meccanico.

Salekh ha lavorato principalmente nel campo del commercio, negli ultimi 4 anni si è occupato di riparazione di orologi, realizzazione di chiavi e incisione laser.

La madre di Salekh gli ha instillato l'amore per Dio fin dall'infanzia. Crescendo, si convinse che tutto ciò che è scritto nella Bibbia è importante per una persona moderna, e i consigli contenuti in questo libro sono pratici. "Mi hanno aiutato a evitare molti errori", ricorda Salekh. Nel 2010 ha preso la decisione di diventare testimone di Geova.

Salekh conosceva la sua futura moglie fin dalla giovinezza. Si sono sposati nel 2020. Diana lavora come parrucchiera. Condivide il punto di vista di suo marito sulla vita. Da adolescente rimase colpita dal fatto che la Bibbia potesse rispondere a qualsiasi domanda.

La coppia si diverte a imparare nuove ricette, passare il tempo con gli amici e cucinare intorno a un falò. Amano fare passeggiate, ascoltare musica, andare al mare con pernottamento.

I parenti di Salekh, compresi quelli che non condividono le sue idee religiose, così come i vicini, il suo datore di lavoro e i suoi conoscenti, si chiedono perché una persona pacifica e rispettabile sia perseguitata per aver creduto in Dio.

Casi di successo

Nell’ottobre 2023, il Comitato investigativo ha separato il caso contro Viktor Mani e altri credenti in procedimenti penali separati. Gli uomini sono stati accusati di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista, oltre che di finanziarla. Un anno prima le forze di sicurezza avevano condotto perquisizioni di massa nelle case dei testimoni di Geova di diverse città della Crimea.